TEATRO A ROTELLE

“Teatro a rotelle” è un gruppo studentesco dell’Università degli studi di Verona che fa attività teatrale.
Nasce nel 2016 da una sinergia fra alcuni studenti dell’unità operativa d’ateneo “Inclusione e accessibilità”, la regista Nicoletta Vicentini e il docente Massimo Salgaro del dipartimento di Lingue e Letterature straniere.

I nostri primi supporter sono stati Giorgio Gosetti, delegato al diritto allo studio e alle politiche per gli studenti, Renata Castellani dell’unità operativa d’ateneo “Inclusione e accessibilità”, Simona Brunetti e Nicola Pasqualicchio del Dipartimento di Culture e Civiltà.

La compagnia, composta da studenti dell’ateneo veronese è patrocinata dal Dipartimento di Lingue e Letterature straniere e dal Dipartimento Culture e Civiltà.

CHI SIAMO

Chi siamo

Siamo un gruppo di studenti che ha un obiettivo comune: fare teatro divertendosi.
Il nostro scopo lo prendiamo molto seriamente! Siamo molto variegati, abbiamo fragilità e abilità mescolate con maestria… insomma, siamo unici.
Questa nostra unicità viene riconosciuta ogni volta che saliamo sul palco e siamo contenti di poter essere noi stessi, di fronte a noi e di fronte al pubblico (che per noi è come se fosse il mondo intero).
Siamo leggeri e responsabili, a volte un po’ più leggeri… e per questo non abbiamo difficoltà a volare… Dicono che il cambio della prospettiva sia salutare, e noi ci crediamo!
Ah, e siamo anche belli!

Il nostro nome “Teatro a rotelle” ti ha sicuramente incuriosito: le rotelle del nome della compagnia, se da un lato possono far pensare alla disabilità (nel gruppo ci sono attori diversamente abili e quindi costretti a usare una sedia a rotelle) sono anche e soprattutto quelle del cervello, sempre in movimento per dar sfogo alla creatività.
Le rotelle sono gli ingranaggi della fantasia, che costituiscono il centro della nostra attività teatrale.

COSA FACCIAMO ASSIEME

Ci incontriamo, ci incontriamo per davvero grazie al teatro, ai suoi giochi, alle improvvisazioni.

Ci troviamo il mercoledì (l’orario varia a seconda delle nostre lezioni…) nella palestra ex-orsoline in via Paradiso per un’ora e mezza intensa nella quale lavoriamo su molti aspetti fondamentali del teatro, dalla voce all’improvvisazione, dalla conoscenza del nostro corpo per imparare a muoversi al meglio nello spazio.
Tutto questo grazie alla nostra meravigliosa regista Nicoletta Vicentini e alla splendida Jana Karsaiova che sono sempre pronte a supportarci e sopportarci.
Gli spettacoli li scriviamo noi, o meglio, abbiamo un testo di partenza che però non seguiamo certamente alla lettera, anzi, ne modifichiamo la trama secondo le nostre idee, la nostra fantasia e la nostra personalità.
Successivamente Nicoletta scrive il vero e proprio copione e poi… sotto con le prove!
È un’esperienza da provare, a cui dopo la prima volta difficilmente si riesce a dire di no!

SPETTACOLI E VIDEO

anno accademico 2019-2020

QUARANTENA DEL TEATRO A ROTELLE

Il lockdown non ferma il teatro a Rotelle. In questo tempo così surreale, ci siamo reinventati con un corso a distanza di scrittura drammaturgica e creativa. I frutti di questo percorso sono cinque video ispirati a questi mesi di reclusione forzata e un libro digitale illustrato.
Nella sezione video la versione integrale dei 4 episodi di “Cos’altro potrebbe andare storto”

STANOTTE HO SOGNATO DI USCIRE

“COS’ALTRO POTREBBE ANDARE STORTO” trailer

SE NON POSSIAMO VEDERCI CI SCRIVIAMO

anno accademico 2018-2019

IL MIO NOME È OSVALDO

Lo spettacolo prende spunto dall’opera di Benni “Stranalandia”.
Si tratta del diario di due famosi scienziati approdati su una bizzarra isola dopo il naufragio della loro nave.
Lo spunto da cui prende vita “Il mio nome è Osvaldo” è lo scontro fra due punti di vista: quello della presunta normalità dei due scienziati messo a confronto con la visione sociale degli stralunati abitanti dell’isola.
Su quest’isola infatti le regole di normalità si sono talmente allargate da considerare tutte le diverse abilità di uguale importanza.
Non si considerano rilevanti solo le capacità produttive, ma anche quelle emotive ed empatiche e si valorizzano i tratti che accomunano gli esseri umani piuttosto che le differenze.
L’isola diventa così un utopico spazio in mezzo al mare, dove i due scienziati comprendono che la distanza fra abilità e disabilità è proporzionale a come la società è organizzata a livello concettuale, pratico e istituzionale.

TRAILER IL MIO NOME È OSVALDO

  • 6 giugno 2018 Anteprima dello spettacolo nella palestra di Via Paradiso.
  • 3 novembre 2018 Evento in sala Birolli organizzato dalle Associazioni del “Progetto di rete per una Comunità Includente” e dalla biblioteca Frinzi dell’Università di Verona. In quest’occasione è stato presentato un estratto dello spettacolo insieme ad altre compagnie teatrali veronesi.
  • 5 giugno 2019 Rappresentazione dello spettacolo “Il mio nome è Osvaldo” ispirato a Stranalandia di S. Benni nell’aula magna dell’università.
  • 3 dicembre 2019 Replica dello spettacolo in occasione della giornata mondiale della disabilità in collaborazione con il Coro universitario.
  • 7 dicembre 2019 Partecipazione teatrale al teatro forum “Ridare umanità alla salute mentale” presso la sala polifunzionale Ospedale di Marzana.
  • 8 dicembre 2019 Replica dello spettacolo presso l’auditorium di Pastrengo.

anno accademico 2017- 2018

UNA COMPAGNIA IN CERCA DI NOME

“Una compagnia in cerca di nome” è il primo evento teatrale presentato dal Teatro a Rotelle.
Lo spettacolo è ispirato ad una storia vera: la nostra! Mette in scena le peripezie del gruppo per cercare un nome adatto.

MISSION

Non abbiamo una particolare filosofia; per noi il gioco e il teatro sono il miglior metodo inclusivo.
Crediamo nella sensibilità, nella diversità, nell’ascolto, nel contatto; crediamo nell’umanità che è in ciascuno di noi, la portiamo alla superficie e la liberiamo nell’aria.
E questo non è poco.

COME PARTECIPARE

Per entrare a far parte del nostro mondo basta essere studenti universitari e avere passione per la recitazione o almeno la voglia di provarci.

Ci troviamo il mercoledì mattina (orario variabile ogni semestre) nella palestra ex-orsoline.

La palestra dove ci incontriamo è in Via Paradiso, un caso?

Vi aspettiamo, partecipare non costa nulla, basta prendere contatto con Nicoletta.

STAFF

Il presidente
Davide Bonfante
Il vicepresidente
Viviana Veronesi
Gli attori
Anno accademico 2019-2020: Sonia Andrich - Jessica Azzalin - Davide Bonfante - Irene Bressan - Beatrice Castellini - Giulia Croce - Angela Gianesella - Claudia Pani - Serena Pascarosa - Filippo Perini - Malcolm Quaynor - Flavia Sermonetta – Samuele Ruzzarin - Valentina Tognetti - Camilla Tognetti Nieri - Giorgia Turchetto - Viviana Veronesi - Alessandro Zilio
Regia
Nicoletta Vicentini e Jana Karšaiová
Manager, organizzazione e supporto
Massimo Salgaro
Fotografa di scena
Anja Meyer
Scenografie e oggetti di scena
Emma Biondani

NEWS

Dopo il grande successo di “Il mio nome è Osvaldo“, opera teatrale liberamente ispirata a “Stranalandia“ di Stefano Benni, per la nuova stagione la compagnia prevede il riadattamento di “Homo Empathicus” (2014), della scrittrice tedesca Rebekka Kricheldorf.

  • Febbraio-marzo 2017 Workshop accreditato “L’esperienza teatrale come apertura verso l’alterità e la disabilità” con Nicoletta Vicentini ed Ernesto Guerriero;

    Promotori: Massimo Salgaro docente del dipartimento di Lingue e Letterature straniere, Renata Castellani, responsabile del centro inclusione e accessibilità dell’università degli Studi di Verona

  • Febbraio 2019 workshop accreditato “L’esperienza teatrale come apertura verso l’alterità e la disabilità” con Nicoletta Vicentini ed Ernesto Guerriero;

    Promotori: Massimo Salgaro docente del dipartimento di Lingue e Letterature straniere, Renata Castellani, responsabile del centro servizi per studenti disabili dell’università degli Studi di Verona

  • Maggio 2019 workshop accreditato “il Mondo di Stranalandia – dal testo letterario al testo teatrale”. Con Nicoletta Vicentini e i docenti Simona Brunetti, Nicola Pasqualicchio.

    Promotori: Massimo Salgaro docente del dipartimento di Lingue e Letterature straniere e il dipartimento di Culture e Civiltà.

Viviana e Filippo: momento creativo.
Prove dello spettacolo
Il gruppo in un dietro le quinte prima di andare in scena
( Da Sinistra) Filippo, Angela, Camilla, Beatrice, Jessica, Davide, Serena e Giulia in una scena dello spettacolo: la partenza della nave.
( Da Sinistra) Malcolm, Irene, Viviana, Jana “il naufragio”. Una scena dello spettacolo.
Un scena “molto intensa” dello spettacolo: tutti si addormentano ascoltando il Prof. Lupus.
Irene prende il tea in riva al mare, in una scena dello spettacolo.

Il mio nome è Osvaldo 3-12-19
Il mio nome è Osvaldo_5-6-19
Il mio nome è Osvaldo 8-12-19
Teatro a Rotelle 2018

Contatti

Davide Bonfante
davidebonfante@icloud.com
Nicoletta Vicentini
niki.vicentini@gmail.com
Massimo Salgaro
massimo.salgaro@univr.it
Canali social
Teatro a Rotelle 2
teatroarotellevr